I LAVORI NEL VIGNETO, LA SPOLLONATURA

In queste settimane la quotidiana cura dei cavalli a pensione in scuderia si alterna al taglio dei prati adibiti a zona comune e al lavoro nel vigneto.

Un primo intervento fitosanitario è già stato effettuato nei giorni scorsi per prevenire eventuali attacchi di peronospora e, dopo la pioggia di questi giorni, è in programma un nuovo imminente trattamento.

Il vigneto in questo periodo necessita anche di interventi che consentono di regolare lo sviluppo della chioma, riequilibrando il rapporto tra la superficie fogliare e la produzione di grappoli. Una prima pratica, detta spollonatura, prevede l’eliminazione dei germogli che nascono dal legno vecchio, specialmente alla base del fusto. Infatti i polloni, i germogli che non portano l’uva, sottraggono energia alla pianta e possono togliere areazione ai grappoli.

I polloni vanno eliminati quando hanno una lunghezza non superiore ai 20 centimetri e si riescono a  staccare facilmente dal legno senza lasciare ferite sullo stesso. Noi pratichiamo la spollonatura manuale che rende il lavoro certamente più lungo ma più preciso e accurato, sempre nell’ottica di una gestione del nostro podere come da antiche tradizioni e seguendo un metodo di produzione biologico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Codice di sicurezza * Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.