OLEOLITO DI MELISSA OFFICINALIS

MelissaNel Podere Borgo di Vigoleno® siamo in pieno tempo di raccolta di piante e fiori. Abbiamo iniziato a preparare anche gli oleoliti, macerati di piante fresche (ma anche  essiccate) che mettiamo in un contenitore di vetro, ricoperte d’olio e lasciate a macerare per circa un intero arco delle fasi lunari.

In questi giorni abbiamo terminato la preparazione dell’Oleolito di Melissa Officinalis, pianta erbacea perenne della famiglia delle Labiate, che cresce spontanea nel nostro podere. Della Melissa Officinalis  utilizziano le foglie, che vanno raccolte in giugno e, poco dopo, i fiori,  piccoli e di colore bianco o rosa tenue, dal gradevole profumo di limone. L’essiccazione deve avvenire rapidamente in un luogo ben ventilato e preferibilmente buio. Per Oleolito utilizziano i fiori freschi, circa 250 gr per 700 ml di olio di oliva con l’aggiunta di 5 ml di alcool. Dopo 40 giorni travasiamo il contenuto in una bottiglia o barattolo di vetro con una garza, in modo da poter strizzare bene anche le foglie, e lo conserviamo per circa 6 mesi in un luogo asciutto e buio.

La Melissa Officinalis era conosciuta fin dall’antichità  da Greci e Romani e gli Arabi la consideravano un buon tonico, capace di dissipare tristezza e malumori, ma è soltanto nel tardo Medio Evo che si cominciò a farne largo uso in Europa. Le sue note proprietà  sono aromatizzanti, digestive, coleretiche, antispasmodiche, con un’azione tonica e stimolante sull’organismo in generale mentre in cucina viene usata per insaporire i cibi e per aromatizzare vini, liquori e l’aceto.

Nel Podere Borgo di Vigoleno®  facciamo largo uso dell’Oleolito di Melissa Officinalis  aggiunto nel tonico naturale per il lavaggio dei cavalli, specialmente nelle giornate più calde dell’estate,  per preservare la pelle da dermatiti, come detergente e stimolate. Aggiunto in una base di crema neutra con gocce di olio essanziale al geranio o alla citronella è un ottimo antimosche e tafani naturale per per parti più delicate del cavallo.

In casa lo utilizziamo nei saponi decorativi e nelle ghirlande per profumare gli armadi e tenere lontano le tarme: soluzioni semplici e naturali che la vita di campagna ci insegna ogni giorno.