ROSOLIO, UN LIQUORE DEL PASSATO TUTTO DA GUSTARE

rosolioLe ultime rose fiorite nel Podere Borgo di Vigoleno® diventano un liquore Rosolio che riporta al tempo antico, quando nei conventi tra la fine del 600 e l’inizio del 700 i petali delle rose, con la loro rugiada mattutina lentamente riscaldata dal sole autunnale, venivano raccolti e macerati. Il risultato è un liquore dall’aroma intenso ma molto delicato, piacevole per qualsiasi palato.

La mia ricetta per il Rosolio l’ho ritrovata recentemente tra vecchi appunti e ritagli di cucina della nonna: ricordi, profumi e sapori sempre indelebili e che porto nel cuore.

Si raccolgono i petali, circa 100 gr., alla mattina presto, ancora bagnati dalla rugiada e si lasciano distesi su un canovaccio per circa 15 minuti per poi metterli in un un vaso di vetro con chiusura ermetica. Si aggiungono 250 gr di alcool a 95° e si lascia macerare per una settimana.

Passati sette giorni si prepara uno sciroppo sciogliendo 250 gr di zucchero in 200 gr di acqua portata ad ebollizione e lasciata poi raffreddare per incorporarla con l’infusione alcolica. Si lascia quindi macerare il tutto ancora per una settimana dopo la quale si potrà filtrare con un colino a maglie strette in una bottiglia con chiusura con tappo di sughero.

Dovrà essere lasciato in cantina al buio per circa 6 mesi prima di poterlo gustare come digestivo di fine pasto o accompagnato a dessert o a piccola pasticceria.