LE MIE API IN FOTO PREMIATE IN AUSTRALIA

La foto è nata per caso, a dire il vero da un piccolo incidente domestico in scuderia. Qualche settimana fa, a fine giornata, stavo svuotando la ciotola dell’acqua di Guenda senza accorgermi che dentro, visto le temperature autunnali anomale, diverse api stavano bevendo. Qualcuna è stata veloce a volare via, ma quella della foto è stata travolta da uno tsunami di acqua.

Non appena mi sono accorta l’ho raccolta e messa subito su un piano del tavolo asciutto e ho iniziato a scaldarla con il mio fiato fino a quando, asciugandosi, non ha dato segni di vita. Siamo rimaste per un po’ così a guardaci, io le ho raccolto un fiore e lei ci è subito salita, continuando a fissarmi. Ci stiamo studiate a vicenda da vicino e così è scappata anche la foto.

Seguo un gruppo di apicoltori australiani che ogni anno preparano un evento fotografico per sensibilizzare sul problema delle api e della loro sopravvivenza. Ho mandato la foto, così tanto per fare, ma la notizia è che la foto è stata selezionata e sarà esposta a marzo con il mio nome, quello della mia azienda e la mia “Italian bee.

La stessa foto è in corsa anche per partecipare alla realizzazione del Calendario 2018 dell’APAP Associazione Provinciale Apicoltori Piacentini, con premiazione ed evento a dicembre a Piacenza.

PS: era oramai buio e l’ape non dava segni di voler volare via. Così, con il suo fiore l’ho portata davanti ad un’arnia e lei è subito entrata felice. Amo le favole, ma solo quelle a lieto fine. Come quella gran culo di Cenerentola….